Pubblicato da: blanconejo | 25 luglio 2015

Il metodo Antisòla

Inizio una piccola rubrica che potrei chiamare: “Come andare a vivere alle canarie senza incappare nelle sòle tese soprattutto dai Connazionali ” Mi limito ad aprire una categoria acconcia, forse è meglio.

Di sicuro, in molti di noi abbiamo pensato di andarcene dall’Italia. Nulla di più naturale è cercare notizie di vari posti del mondo dove si possa stare meglio. Siti, Blog, gruppi di FB sono quanto la tecnologia ci mette a disposizione. Approfittarne è istintivo. I nostri contatti iniziano con un commento, un like, un segnale della nostra presenza. Più tardi arriva una richiesta d’amicizia, non ci facciamo caso e accettiamo. Dopo qualche giorno scopriamo di essere iscritti a qualche gruppo che parla di Fuerteventura. Si fa capire che è il Paese dei Balocchi, dove chiunque può fare fortuna, un paradiso fiscale (meglio dell’italia è, ma paradiso è una parola grossa) tutti grossi richiami a mollare tutto e incominciare di nuovo lì. Andrebbe tutto bene se, chi ci fornisce tali informazioni non fosse un intermediario. Noi però non lo sappiamo e pensiamo di avere dall’altra parte del filo un connazionale filantropo che ci può dare della dritte. Nulla di male a fare gli intermediari, quando si tratta di attività lecite, anche se questo comporta degli inevitabili ricarichi sull’utente finale.
Quindi, il consiglio è andate pure sui gruppi, informatevi e prendete tutto con le molle. Nulla può sostituire la vostra presenza “in loco”. Fatevi un’idea personale delle cose, parlate con gente del posto, in Spagnolo.

Annunci

Responses

  1. […] dalla puntata precedente (V.) Dicevamo che affidarsi completamente a tali connazionali e dare retta a certi gruppi potrebbe […]


Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: