Pubblicato da: blanconejo | 4 giugno 2017

di vaccini e altro

Intanto, affrontare questo argomento comodamente davanti a una tastiera e in stato di buona salute, fa quasi pensare a un pulpito, così come i nostri bravi politici che inoculano pensieri avversi in una popolazione che ha sempre meno voglia di pensare, visto che la necessità è quella di mettere insieme pranzo, cena e voucher.
I vaccini sono forse uno dei trovati che più ha accelerato il nostro sviluppo, diminuendo in modo significativo la mortalità infantile e allungando le aspettative di vita dell’Uomo. Con costi relativamente ridotti è possibile programmare il sistema immunitario umano (e non solo) in modo da avere poi dei costi altrettanto ridotti per gestire tutta la vita di quello che sarà il paziente di domani. Vi piace vincere facile? Sì, anche a me se vinco pure io, ovvio.
Veniamo alle reazione avverse ai vaccini, che pur ci sono. In famiglia ve ne sono state due, per un banale vaccino antinfluenzale. Intanto, nulla di grave, sono state denunciate ad un organo preposto (in USA) e chiaramente per loro mai più vaccini di quel tipo. E neanche per me, con conclamati problemi autoimmuni. Saremmo dunque esposti? No, se gli altri si vaccinano. Ed è matematico. E già, sono numeri e i numeri non sono opinioni da quando un certo Gauss
ha trovato un metodo per la loro interpretazione scientifica. In pratica se io riesco a vaccinare un numero abbastanza grande di individui tale da escludere solo una piccola percentuale, da una parte quelli che hanno reazioni avverse dall’altra quelli che proprio non si immunizzano, ho protetto tutta la Popolazione.
Domandiamoci se è già successo. Qualcuno di voi ha sentito mai parlare di Vaiolo? Guardatevi il braccio sinistro, notate un cerchietto? Io ce l’ho e ne vado fiero. Più che dei vaccini, io mi preoccuperei che il virus si trova conservato a Atlanta (USA) e Novosibirsk (Russia) questo sì che è un residuo di Guerra fredda! Pensate a questo virus in mano a un pazzo scatenato come Trump e a un pirla come Putin… Grillo, questo col cazzo lo va a dire ai comizi !

Antibiotici e omeopatia. Quest’ultima serve per non arrivare ad avere bisogno di “armi pesanti” come gli antibiotici per guarire. Però va ammesso anche che quando non si vedono effetti sul quadro patologico del paziente bisogna intervenire in altro modo. Coloro che dicono di “non prendere medicine” oltre a commettere un reato, non fanno gli eroi: anche Hannemann si sarà curato allopaticamente, dopotutto era un medico.

In conclusione, una tiratina d’orecchie alle Farmaceutiche che dovrebbero estendere al massimo la tollerabilità dei vaccini anche sborsando un po’ di soldini, mentre se siete in grado di vaccinarvi non esitate a farlo : proteggete voi stessi e la Comunità. E quando ci vuole un antibiotico, ci vuole. Ve lo prendete pensando anche alla fortuna che avete per avere un sistema che ve lo rende disponibile. Che lo stesso sistema vi fa pure ammalare, questo sarebbe un discorso molto più ampio.
Troverete sempre quello che fa il bastian contrario anche tra i camici bianchi, non c’è nulla di male. E anche tra altri colori di divise, approfittate per ricordargli che costituisce reato ostacolare una prescrizione medica. Ricordiamoci anche che la Salute è nostra, il medico è solo un delegato. Delega che possiamo revocare quando vogliamo.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: